Cardiologia.net
Reumatologia
Ematologia.net

Infezione da virus Zika nelle donne in gravidanza a Rio de Janeiro


Il virus Zika ( ZIKV) è stato collegato a malformazioni del sistema nervoso centrale nei feti.
Per caratterizzare lo spettro della malattia da infezione da virus Zika nelle donne in gravidanza e nei neonati, sono stati seguiti pazienti a Rio de Janeiro per descrivere le manifestazioni cliniche nelle madri e le ripercussioni della infezione acuta da virus Zika nei neonati.

Sono state arruolate donne in gravidanza in cui un rash si era sviluppato entro i precedenti 5 giorni, e sono stati testati campioni di sangue e urine per il virus Zika mediante saggi di reazione a catena della polimerasi a trascrittasi inversa ( rtPCR ).

Sono state seguite le donne in modo prospettico per ottenere i dati sugli esiti della gravidanza e sugli esiti dei bambini.

In totale 345 donne sono state arruolate tra il 2015 e il 2016; di queste, 182 donne ( 53% ) sono risultate positive per il virus Zika nel sangue, urine, o in entrambi.

I tempi di infezione acuta da virus Zika variavano da 6 a 39 settimane di gestazione.

Le caratteristiche cliniche materne predominanti hanno incluso un rash pruriginoso decrescente maculare o maculopapulare, artralgie, iniezione congiuntivale, e mal di testa; il 27% aveva la febbre ( a breve termine e di basso grado ).

Entro metà 2016, 134 gravidanze con infezione da virus Zika e 73 gravidanze senza infezione sono giunte a compimento, con risultati noti per 125 gravidanze con infezione da Zika e 61 gravidanze senza infezione.

L'infezione da virus Chikungunya ( CHIKV ) è stata identificata nel 42% delle donne senza infezione da Zika, contro il 3% delle donne con infezione Zika ( P minore di 0.001 ).

I tassi di morte fetale sono stati pari al 7% in entrambi i gruppi; gli esiti avversi complessivi sono stati 46% tra i figli di donne positive per il virus Zika, rispetto all’11.5% tra i figli di donne negative a Zika ( P minore di 0.001 ).

Tra 117 neonati nati vivi da 116 donne Zika-positive, il 42% aveva segni clinici o di imaging cerebrale gravemente anomalo, o entrambi, tra cui 4 bambini con microcefalia.

Gli esiti avversi sono stati osservati indipendentemente dal trimestre durante il quale le donne sono state infettate con il virus Zika ( il 55% delle gravidanze ha avuto esiti negativi dopo infezione materna nel primo trimestre, il 52% dopo infezione nel secondo trimestre, e il 29% dopo infezione nel terzo trimestre ).

Nonostante i sintomi clinici lievi nella madre, l’infezione da virus Zika durante la gravidanza è deleteria per il feto ed è associata a morte fetale, restrizione della crescita fetale, e a uno spettro di anomalie del sistema nervoso centrale. ( Xagena2016 )

Brasil P et al, N Engl J Med 2016; 375: 2321-2334

Inf2016 Neuro2016 Gyne2016 Pedia2016



Indietro