Neurologia
Gastroenterologia.net
Reumatologia

Relazione tra stadio della malattia epatica e terapia antivirale con eventi epato-correlati e decesso negli adulti con co-infezione HIV/HCV


Il virus dell’immunodeficienza umana ( HIV ) accelera la malattia causata da virus dell’epatite C ( HCV ); tuttavia, l’effetto dello stadio della malattia renale e della terapia antivirale sul rischio di esito clinico non è del tutto chiaro.

È stato condotto uno studio per determinare l’incidenza di malattia epatica in stadio terminale, carcinoma epatocellulare o decesso in base ai livelli basali di fibrosi epatica e trattamento antivirale in pazienti con doppia infezione da HIV/HCV.

Lo studio di coorte prospettico ha coinvolto 638 adulti con co-infezione ( 80% neri, 66% uomini ) trattati presso la Johns Hopkins per HIV, sottoposti a biopsia epatica e seguiti in modo prospettico per eventi clinici nel periodo 1993-2011 ( follow-up mediano, 5.82 anni; intervallo interquartile, 3.42-8.85 anni ).

I campioni istologici sono stati classificati per stadio di fibrosi epatica con il sistema di classificazione METAVIR.

La principale misura di esito era un composito di malattia epatica in stadio terminale, carcinoma epatocellulare o decesso.

I pazienti sono andati incontro a un aumento del rischio di incidenza dell’esito clinico in accordo con lo stadio di fibrosi epatica al basale ( intervallo di classificazione, F0-F4 ): F0, 23.63; F1, 36.33; F2, 53.40; F3, 56.14 e F4, 79.43 per 1000 anni-persona ( P inferiore a 0.001 ).

Nella regressione binomiale negativa a variabili multiple, gli stadi di fibrosi da F2 a F4 e la terapia antiretrovirale sono risultati indipendentemente associati a un composito di malattia epatica in stadio terminale, carcinoma epatocellulare o mortalità per tutte le cause dopo aggiustamento per caratteristiche demografiche, uso di farmaci iniettabili e conta delle cellule CD4.

Rispetto allo stadio F0, il rapporto dei tassi di incidenza ( IRR ) per F2 è stato 2.31 ( P=0.009 ); F3, 3.18 ( P=0.003 ) e F4, 3.57 ( P inferiore a 0.001 ).

Il trattamento per il virus HIV è risultato associato con meno eventi clinici ( IRR=0.27; P inferiore a 0.001 ).

Per i 226 pazienti sottoposti a trattamento per infezione da HCV, l’incidenza di eventi clinici non ha mostrato differenze significative tra quelli non responsivi al trattamento e quelli non-trattati ( IRR=1.27; P=0.23 ).

Di contro, non sono stati osservati eventi nei 51 pazienti con risposta virologica sostenuta ( n=36 ) e recidiva ( n=15 ), inclusi 19 con fibrosi significativa.

In conclusione, in questa coorte di pazienti con co-infezione HIV/HCV, lo stadio della fibrosi epatica è risultato indipendentemente associato a un esito composito di malattia epatica in stadio terminale, carcinoma epatocellulare o decesso. ( Xagena2012 )

Limketkai BN et al, JAMA 2012; 308: 370-378


Inf2012 Gastro2012


Indietro