modelli e strategie decisionali
OncologiaMedica.net
Cardiologia.net
Gastroenterologia.net

Riattivazione asintomatica del virus JC nei pazienti con sclerosi multipla trattati con Natalizumab


La leucoencefalopatia multifocale progressiva si manifesta in una frazione di pazienti con sclerosi multipla trattati con Natalizumab ( Tysabri ).

La maggior parte degli adulti che sono stati infettati con il virus JC, l'agente eziologico della leucoencefalopatia multifocale progressiva, non presenta sintomatologia.

Ricercatori del Beth Israel Deaconess Medical Center e Harvard Medical School, a Boston negli Stati Uniti, hanno condotto uno studio per determinare se l'esposizione a Natalizumab fosse in grado di provocare riattivazione subclinica e trasformazione neurotropica del virus JC.

Sono stati seguiti 19 pazienti consecutivi con sclerosi multipla trattati con Natalizumab per un periodo di 18 mesi.
Sono stati eseguiti saggi di PCR ( polymerase chain reaction ) su campioni di sangue e urine per individuare la riattivazione del virus JC: il virus BK ( un poliomavirus legato al virus JC ) è stato utilizzato come controllo.

Sono state determinate le risposte delle cellule T specifiche per il virus JC mediante tecnica ELISPOT e la risposta anticorpale con saggio ELISA, e sono state analizzate le sequenze della regione regolatoria del virus JC.

Dopo 12 mesi di terapia con Natalizumab, la prevalenza del virus JC nelle urine dei 19 pazienti è aumentata da un valore basale del 19% al 63% ( P=0.02 ).
Dopo 18 mesi di trattamento, il virus JC è risultato visibile in 3 dei 15 campioni di plasma ( 20% ) e in 9 dei 15 campioni disponibili di cellule mononucleari di sangue periferico ( 60% ) ( P=0.02 ).

Le sequenze della regione regolatoria nei campioni di sangue e nella maggior parte dei campioni di urina sono risultate simili a quelle normalmente riscontrate nella leucoencefalopatia progressiva multifocale.
Di contro il virus BK è rimasto stabile nei campioni di urina e non rilevabile in quelli ematici.

La risposta immunitaria cellulare specifica per il virus JC è diminuita in maniera significativa tra 6 e 12 mesi di trattamento e le variazioni in questa risposta nel tempo hanno mostrato una tendenza ad essere maggiori nei pazienti nei quali si era sviluppata viremia JC.

Nessuno dei pazienti ha mostrato segni clinici o radiologici di leucoencefalopatia multifocale progressiva.

In conclusione, la riattivazione subclinica del virus JC si presenta frequentemente nei pazienti con sclerosi multipla trattati con Natalizumab.
Lo shedding virale ( trasmissione del virus ) è associato a diminuzione transitoria della risposta immunitaria cellulare specifica per il virus JC. ( Xagena2009 )

Chen Y et al, N Engl J Med 2009; 361: 1067-1074


Inf2009 Neuro2009


Indietro