OncoGinecologia.net
Neurologia
Mediexplorer

Studio di associazione genome-wide sulla risoluzione spontanea della infezione da virus della epatite C


Le infezioni da virus dell’epatite C ( HCV ) si verificano in tutto il mondo, e si risolvono spontaneamente o persistono, aumentando il rischio di cirrosi e di carcinoma epatocellulare.

Anche se la persistenza di HCV si verifica più spesso nelle persone di origine africana e nelle persone con varianti genetiche vicino a interleuchina-28B ( IL-28B ), la base genetica non è ben compresa.

È stata valutata la base genetica dell’ospite per la risoluzione spontanea della infezione da HCV con uno studio di associazione genome-wide presso 13 Centri di studio internazionali.

Lo studio ha riguardato 919 persone con anticorpi anti-HCV sierici ma senza HCV RNA ( risoluzione spontanea ) e 1.482 persone con anticorpi anti-HCV e HCV RNA ( persistenza ).

Sono state misurate le frequenze di 792.721 polimorfismi a singolo nucleotide ( SNP ).

Le differenze di frequenze alleliche tra persone con risoluzione spontanea e persistenza sono state identificate sui cromosomi 19q13.13 e 6p21.32.

Sul cromosoma 19, le differenze di frequenza dell'allele erano localizzate nei pressi di IL-28B e includevano rs12979860 ( odds ratio complessivo per-allele, OR=0.45; P=2.17 x 10-30 ) e 10 polimorfismi a singolo nucleotide supplementari che coprivano 55.000 paia di basi.

Sul cromosoma 6, le differenze di frequenza dell'allele erano localizzate vicino ai geni per HLA di classe II e comprendevano rs4273729 ( odds ratio complessivo per-allele, OR=0.59; P=1.71 x 10-16 ) vicino DQB1*03:01 e ulteriori 116 polimorfismi a singolo nucleotide che coprivano 1.090.000 coppie di basi.

Le associazioni dei cromosomi 19 e 6 erano indipendenti e additive e spiegavano circa il 14.9% e il 15.8% della variazione nella risoluzione di HCV in persone di origine europea e africana, rispettivamente.

La replica del polimorfismo a singolo nucleotide del cromosoma 6, rs4272729, in ulteriori 745 persone ha confermato le conclusioni ( P=0.015 ).

Gli effetti epigenetici non sono stati studiati.

In conclusione, IL-28B e HLA di classe II sono associati in maniera indipendente alla risoluzione spontanea della infezione da HCV, e la marcatura dei polimorfismi a singolo nucleotide di IL-28B e DQB1*03:01 può spiegare circa il 15% della risoluzione spontanea della infezione da HCV. ( Xagena2013 )

Duggal P et al, Ann Intern Med 2013; 158: 4: 235-245

Inf2013 Gastro2013



Indietro