Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Maribavir per il trattamento preventivo della riattivazione del Citomegalovirus


Maribavir è un benzimidazolo riboside con attività contro il Citomegalovirus ( CMV ). La sicurezza e l'efficacia di Maribavir per il trattamento preventivo dell'infezione da CMV nei pazienti sottoposti a trapianto non sono note.

In uno studio di fase 2, in aperto, in cieco per la dose di Maribavir, i destinatari di trapianti di cellule ematopoietiche o di organi solidi ( età a partire da 18 anni, con riattivazione del virus CMV, da 1.000 a 100.000 copie di DNA per millilitro ) sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Maribavir alla dose di 400, 800 o 1.200 mg due volte al giorno o la dose standard di Valganciclovir ( Valcyte ) per non più di 12 settimane.

L'endpoint primario di efficacia era la percentuale di pazienti con una risposta al trattamento, definita come DNA CMV non-rilevabile confermato nel plasma entro 3 settimane e 6 settimane dopo l'inizio del trattamento.
L'endpoint primario di sicurezza era l'incidenza di eventi avversi verificatisi o peggiorati durante il trattamento.

Dei 161 pazienti sottoposti a randomizzazione, 159 hanno ricevuto un trattamento e 156 disponevano di dati post-basali disponibili: 117 nel gruppo Maribavir e 39 nel gruppo Valganciclovir. La percentuale di pazienti con dati post-basali disponibili che hanno presentato una risposta al trattamento entro 3 settimane è stata del 62% tra coloro che hanno ricevuto Maribavir e del 56% tra quelli che hanno ricevuto Valganciclovir.

Entro 6 settimane, il 79% e il 67% dei pazienti, rispettivamente, hanno avuto una risposta ( risk ratio, RR 1.20 ).
Le percentuali di pazienti con una risposta al trattamento sono risultate simili tra i gruppi di dosaggio di Maribavir.
Due pazienti che hanno avuto una risposta al trattamento hanno avuto una recidiva di infezione da CMV entro 6 settimane dopo l'inizio del trattamento con Maribavir alla dose di 800 mg due volte al giorno; le mutazioni di resistenza T409M nella protein-chinasi CM97 UL97 si sono sviluppate in entrambi i pazienti.

L'incidenza di eventi avversi gravi che si sono verificati o peggiorati durante il trattamento è stata più elevata nel gruppo Maribavir rispetto al gruppo Valganciclovir ( 52 su 119 pazienti, 44%, vs 13 su 40, 32% ).

Una percentuale maggiore di pazienti nel gruppo Maribavir ha sospeso il trattamento a causa di un evento avverso ( 27 su 119, 23%, vs 5 su 40, 12% ).

È stata segnalata una maggiore incidenza di eventi avversi gastrointestinali con Maribavir e una maggiore incidenza di neutropenia con Valganciclovir.

Maribavir alla dose di almeno 400 mg due volte al giorno ha mostrato un'efficacia simile a quella di Valganciclovir per l'eliminazione della viremia da CMV tra i pazienti sottoposti a trapianto di cellule ematopoietiche o di organi solidi.
Una maggiore incidenza di eventi avversi gastrointestinali, in particolare disgeusia, e una minore incidenza di neutropenia sono state riscontrate nel gruppo Maribavir. ( Xagena2019 )

Maertens J et al, N Engl J Med 2019; 381: 1136-1147

Inf2019 Med2019 Farma2019


Indietro