Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Anakinra per forme gravi di COVID-19: studio Ana-COVID


I coronavirus possono indurre la produzione di interleuchina-1beta ( IL-1beta ), interleuchina-6 ( IL-6 ), fattore di necrosi tumorale ( TNF ) e altre citochine implicate nei disturbi autoinfiammatori.

È stato postulato che Anakinra ( Kineret ), una forma ricombinante dell’antagonista del recettore dell'IL-1, potrebbe aiutare a neutralizzare lo stato iperinfiammatorio correlato alla sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2 ( SARS-CoV-2 ), che è considerata una delle cause di distress respiratorio acuto tra pazienti con COVID-19.

È stato valutato l'uso off-label di Anakinra in pazienti ricoverati in ospedale per forme gravi di COVID-19 con sintomi indicativi di un peggioramento della funzione respiratoria.

Lo studio Ana-COVID ha compreso una coorte prospettica del Groupe Hospitalier Paris Saint-Joseph ( Parigi, Francia ) e una coorte di controllo storico selezionata retrospettivamente dalla coorte COVID del Groupe Hospitalier Paris Saint-Joseph, iniziata il 18 marzo 2020.
I pazienti sono stati inclusi nella coorte prospettica se avevano 18 anni o più e sono stati ammessi al Groupe Hospitalier Paris Saint-Joseph con polmonite bilaterale grave correlata a COVID-19 alla radiografia del torace o alla tomografia computerizzata ( TC ) del polmone.

Gli altri criteri di inclusione erano SARS-CoV-2 confermata in laboratorio o infiltrati polmonari tipici su una TC polmonare e una saturazione di ossigeno del 93% o inferiore con ossigeno pari o superiore a 6 l/min o un aggravamento ( saturazione inferiore o uguale al 93% sotto ossigeno 3 l/min ) con una perdita del 3% di saturazione di ossigeno nell'aria ambiente nelle 24 ore precedenti.

Il gruppo di controllo storico dei pazienti aveva gli stessi criteri di inclusione. I pazienti nel gruppo Anakinra sono stati trattati con Anakinra per via sottocutanea ( 100 mg due volte al giorno per 72 ore, poi 100 mg al giorno per 7 giorni ) così come i trattamenti standard presso il centro.
I pazienti nel gruppo storico hanno ricevuto trattamenti standard e cure di supporto.

L'esito principale era un composito di ricoveri in Unità di terapia intensiva ( UTI ) per ventilazione meccanica invasiva o morte.
L'analisi principale è stata eseguita in base all'intention-to-treat ( ITT ) includendo tutti i pazienti del gruppo Anakinra che hanno ricevuto almeno un'iniezione di farmaco.

Dal 24 marzo al 6 aprile 2020, 52 pazienti consecutivi sono stati inclusi nel gruppo Anakinra e 44 pazienti storici sono stati identificati nello studio di coorte Groupe Hospitalier Paris Saint-Joseph COVID.

Il ricovero in terapia intensiva per ventilazione meccanica invasiva o decesso si è verificato in 13 ( 25% ) pazienti nel gruppo Anakinra e 32 ( 73% ) pazienti nel gruppo storico ( hazard ratio, HR=0.22, P minore di 0.0001 ).

L'effetto del trattamento di Anakinra è rimasto significativo nell'analisi multivariata ( HR=0.22, P=0.0002 ).

Un aumento delle aminotransferasi epatiche si è verificato in 7 ( 13% ) pazienti nel gruppo Anakinra e 4 ( 9% ) pazienti nel gruppo storico.

Anakinra ha ridotto sia la necessità di ventilazione meccanica invasiva in terapia intensiva sia la mortalità tra i pazienti con forme gravi di COVID-19, senza gravi effetti collaterali.
La conferma dell'efficacia richiederà studi controllati. ( Xagena2020 )

Huet T et al, Lancet Rheumatology 2020; 2: 393-400

Inf2020 Pneumo2020 Med2020 Farma2020


Indietro