Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Dati su 53 pazienti trattati con Remdesivir antivirale sperimentale attraverso il programma di uso compassionevole


L'analisi dettagliata su 53 pazienti ricoverati in ospedale con gravi complicanze di infezione da SARS-CoV-19 ( COVID-19 ) che sono stati trattati con Remdesivir, un antivirale sperimentale, su base individuale per uso compassionevole, sono stati pubblicati su The New England Journal of Medicine ( NEJM ).
La maggior parte dei pazienti in questa coorte internazionale ha dimostrato un miglioramento clinico; nessun nuovo segnale di sicurezza è stato identificato con il trattamento con Remdesivir.
I dati sull'uso compassionevole hanno limitazioni e sono in corso studi di fase 3 per determinare la sicurezza e l'efficacia di Remdesivir nel trattamento di COVID-19.

Quasi due terzi dei pazienti ( 64%, n = 34/53 ) in questa coorte erano sottoposti a ventilazione meccanica al basale, inclusi 4 pazienti anche con ossigenazione extracorporea a membrana ( ECMO ).
Il trattamento con Remdesivir ha comportato un miglioramento di classe di supporto dell'ossigeno per il 68% dei pazienti ( n = 36/53 ) nel corso di un follow-up mediano di 18 giorni dalla prima dose di Remdesivir.
Più della metà dei pazienti sottoposti a ventilazione meccanica sono stati estubati ( 57%, n = 17/30 ) e quasi la metà di tutti i pazienti ( 47%, n = 25/53 ) sono stati dimessi dall'ospedale dopo il trattamento con Remdesivir.
Dopo 28 giorni di follow-up, l'incidenza cumulativa del miglioramento clinico, definita come dimissione dall'ospedale e/o almeno un miglioramento di due punti dal basale su una scala predefinita di sei punti, è stata pari all'84% secondo l'analisi di Kaplan-Meier.
Il miglioramento clinico è risultato meno frequente tra i pazienti sottoposti a ventilazione invasiva rispetto alla ventilazione non-invasiva ( hazard ratio, HR: 0.33 [ IC 95% 0.16, 0.68 ] ) e tra i pazienti di almeno 70 anni ( HR vs meno di 50 anni: 0.29 [ IC 95% 0.11, 0.74 ] ).

I dati sull'uso compassionevole hanno limitazioni dovute alle dimensioni ridotte della coorte, alla durata relativamente breve del follow-up, ai potenziali dati mancanti a causa della natura del programma e alla mancanza di un gruppo di controllo randomizzato.

Il tasso di mortalità complessivo in questa coorte è stato del 13% ( n = 7/53 ). Il tasso di mortalità era più elevato nel sottogruppo di pazienti sottoposti a ventilazione invasiva ( 18%, n = 6/34 ), rispetto ai pazienti con supporto di ossigeno non-invasivo ( 5%, n = 1/19 ).
I fattori associati ad un aumentato rischio di mortalità includevano un'età superiore a 70 anni ( HR vs meno di 70 anni: 11.34 [ IC 95% 1.36, 94.17 ] ) e livelli basali più elevati di creatinina sierica ( HR per mg/dL: 1.91 [ IC 95% 1.22, 2.99 ] ) ad indicare una ridotta funzionalità renale.

In questa coorte sono stati osservati aumenti degli enzimi epatici da lievi a moderati ( ALT e/o AST ) ( 23%, n = 12/53 ).

Non sono stati rilevati nuovi segnali di sicurezza durante la terapia a breve termine con Remdesivir.

Dati i limiti di questa serie di dati e analisi, sono necessari dati provenienti da studi clinici randomizzati in corso su Remdesivir per fornire una comprensione scientificamente solida dell'impatto clinico del trattamento con Remdesivir.

Oltre 1.800 pazienti sono stati trattati con Remdesivir attraverso protocolli individuali di uso compassionevole.

Sono stati valutati i dati di 53 pazienti negli Stati Uniti, in Europa, in Canada e in Giappone che hanno ricevuto almeno una dose di Remdesivir il 7 marzo 2020 o prima, attraverso un programma di uso compassionevole.
Tutti i pazienti erano ricoverati in ospedale con grave infezione da SARS-CoV-2 e una saturazione di ossigeno del 94% o inferiore o necessità di ossigeno.
La durata mediana dei sintomi prima dell'inizio di Remdesivir era di 12 giorni.
La maggior parte dei pazienti ( 75% ) erano uomini di età superiore ai 60 anni con condizioni di comorbilità, tra cui ipertensione, diabete mellito, iperlipidemia e asma. Combinati, questi fattori sono stati associati a esiti avversi in COVID-19.
Il trattamento previsto era un ciclo di Remdesivir della durata di 10 giorni, consistente in una dose di carico di 200 mg somministrata per via endovenosa il giorno 1, seguita da 100 mg al giorno per i restanti nove giorni di trattamento. Dei 53 pazienti inclusi nell'analisi, il 75% ha ricevuto l'intero ciclo di Remdesivir di 10 giorni, il 19% ha ricevuto 5-9 giorni di trattamento e il 6% ha ricevuto meno di 5 giorni di trattamento.
Il follow-up è continuato per 28 giorni dopo l'inizio del trattamento con Remdesivir.
Quattro pazienti hanno interrotto prematuramente Remdesivir, uno a causa di un peggioramento dell'insufficienza renale preesistente, uno a causa di insufficienza multipla di organi e due a causa di elevati enzimi epatici, incluso un paziente con un'eruzione maculopapolare.

Non c'erano endpoint specificati per questo programma. Come parte dell'analisi, sono state quantificate le percentuali di eventi clinici chiave, inclusi cambiamenti nei requisiti di supporto dell'ossigeno, dimissione ospedaliera, eventi avversi che hanno portato all'interruzione del trattamento con Remdesivir e alla mortalità.
Inoltre, l'analisi ha valutato la percentuale di pazienti con miglioramento clinico, definita come dimissione in vivo dall'ospedale e/o un miglioramento clinico di almeno due punti dal basale su una scala di sei punti che riflette il ricovero in ospedale e lo stato di supporto dell'ossigeno.

Remdesivir è un analogo nucleotidico con attività antivirale ad ampio spettro sia in vitro che in vivo in modelli animali contro molteplici patogeni virali emergenti, tra cui Ebola, Marburg, MERS e SARS.
I test in vitro condotti da Gilead hanno dimostrato che Remdesivir è attivo contro il virus che causa COVID-19. ( Xagena2020 )

Fonte: Gilead, 2020

Inf2020 Med2020 Farma2020


Indietro