Sinusiti Mascellari Odontogene
GSK Infettivologia
Sinusite
Forum Infettivologico

Efficacia dell'Interferone beta-1a più Remdesivir rispetto al solo Remdesivir negli adulti ospedalizzati con COVID-19


La compromissione funzionale dell'Interferone, un componente antivirale naturale del sistema immunitario, è associata alla patogenesi e alla gravità della COVID-19.
È stata confrontata l'efficacia dell'Interferone beta-1a in combinazione con Remdesivir ( Veklury ), rispetto al solo Remdesivir nei pazienti ospedalizzati con COVID-19.

È stato condotto uno studio in doppio cieco, randomizzato e controllato con placebo in 63 ospedali in 5 Paesi ( Giappone, Messico, Singapore, Corea del Sud e Stati Uniti ).
I pazienti eleggibili erano adulti ospedalizzati di età maggiore o uguale a 18 anni con infezione da SARS-CoV-2, come confermato da un test RT-PCR positivo, e che soddisfacevano uno dei seguenti criteri indicativi di infezione delle basse vie respiratorie: la presenza di infiltrati radiografici su imaging, una saturazione periferica di Ossigeno in aria ambientale del 94% o meno o che richiedeva Ossigeno supplementare.

I pazienti sono stati esclusi se avevano una concentrazione di alanina aminotransferasi ( ALT ) o di aspartato aminotransferasi ( AST ) superiore a cinque volte il limite superiore della norma; avevano una funzionalità renale compromessa; erano allergici al prodotto in studio; erano in gravidanza o allattavano; erano già in ventilazione meccanica; o stavano anticipando la dimissione dall'ospedale o il trasferimento in altro ospedale entro 72 ore dall'arruolamento.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Remdesivir per via endovenosa come dose di carico di 200 mg il giorno 1, seguita da una dose di mantenimento da 100 mg somministrata giornalmente per un massimo di 9 giorni e fino a 4 dosi di 44 microg di Interferone beta-1a ( gruppo Interferone beta-1a più Remdesivir ) oppure placebo ( gruppo placebo più Remdesivir ) somministrati per via sottocutanea a giorni alterni.

La randomizzazione è stata stratificata per sede dello studio e gravità della malattia al momento dell'arruolamento.
I pazienti, i ricercatori e il personale del sito erano in cieco per il trattamento con Interferone beta-1a e placebo; il trattamento con Remdesivir è stato somministrato a tutti i pazienti non-in-cieco.

L'esito primario era il tempo di guarigione, definito come il primo giorno in cui un paziente ha raggiunto una categoria di punteggio 1, 2, o 3 sulla scala ordinale di 8 categorie entro 28 giorni, valutato nella popolazione intention-to-treat modificata ( mITT ), definita come tutti i pazienti randomizzati classificati in base alla gravità clinica effettiva.
La sicurezza è stata valutata nella popolazione trattata, definita come tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento assegnato.

Tra il 5 agosto 2020 e l'11 novembre 2020, 969 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale al gruppo Interferone beta-1a più Remdesivir ( n=487 ) o al gruppo placebo più Remdesivir ( n=482 ).
La durata media dei sintomi prima dell'arruolamento è stata di 8.7 giorni nel gruppo Interferone beta-1a più Remdesivir e di 8.5 giorni nel gruppo placebo più Remdesivir.

I pazienti in entrambi i gruppi hanno avuto un tempo di recupero di 5 giorni ( rate ratio tra gruppo Interferone beta-1a più Remdesivir versus placebo più Remdesivir 0.99; P=0.88 ).

La stima di Kaplan-Meier della mortalità a 28 giorni è stata del 5% nel gruppo Interferone beta-1a più Remdesivir e del 3% nel gruppo placebo più Remdesivir ( hazard ratio, HR=1.33; P=0.39 ).

I pazienti che non hanno richiesto Ossigeno ad alto flusso al basale hanno avuto maggiori probabilità di avere almeno un evento avverso correlato nel gruppo Interferone beta-1a più Remdesivir ( 33 su 442 pazienti, 7% ) rispetto al gruppo placebo più Remdesivir ( 15 su 435, 3% ).

Nei pazienti che hanno richiesto Ossigeno ad alto flusso al basale, 24 su 35 ( 69% ) hanno avuto un evento avverso e 21 ( 60% ) hanno avuto un evento avverso grave nel gruppo Interferone beta-1a più Remdesivir rispetto a 13 su 33 ( 39% ) che hanno avuto un evento avverso e 8 ( 24% ) che hanno avuto un evento avverso grave nel gruppo placebo più Remdesivir.

L'Interferone beta-1a più Remdesivir non è risultato superiore a Remdesivir da solo nei pazienti ospedalizzati con polmonite da COVID-19.
I pazienti che hanno richiesto Ossigeno ad alto flusso al basale hanno avuto esiti peggiori dopo il trattamento con Interferone beta-1a rispetto a quelli trattati con placebo. ( Xagena2021 )

Kalil AC et al, Lancet Respiratory Medicine 2021; 9: 1365-1376

Inf2021 Pneumo2021 Farma2021


Indietro