GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Esiti dell'utilizzo dell'Idrossiclorochina nei veterani degli Stati Uniti ricoverati in ospedale con COVID-19


Nonostante i dati limitati e contrastanti sull'uso dell'Idrossiclorochina nei pazienti affetti da COVID-19, la FDA ( U.S. Food and Drug Administration ) ha autorizzato l'uso di emergenza di questo farmaco quando gli studi clinici non sono disponibili o non-realizzabili.
L'Idrossiclorochina, da sola o in combinazione con l'antibiotico Azitromicina, è ampiamente utilizzata nella terapia per COVID-19 sulla base di prove aneddotiche e limitate.

I ricercatori hanno eseguito una analisi retrospettiva dei dati dei pazienti ricoverati in ospedale con infezione confermata da SARS CoV-2 in tutti i Centri medici della Veterans Health Administration degli Stati Uniti fino all'11 aprile 2020.
I pazienti sono stati classificati in base alla loro esposizione all'Idrossiclorochina da sola ( HC ) o con Azitromicina ( HC + AZ ) come trattamenti in aggiunta al supporto standard per COVID-19.

I due endpoint principali erano la morte e la necessità di ventilazione meccanica.

I ricercatori hanno determinato l'associazione tra il trattamento e gli esiti primari utilizzando la regressione del rischio proporzionale di Cox aggiustata per le caratteristiche cliniche tramite i punteggi di propensione.

Sono stati valutati un totale di 368 pazienti ( HC, n = 97; HC + AZ, n = 113; no-HC, n = 158 ).

I tassi di mortalità nei gruppi HC, HC + AZ e no-HC sono stati pari rispettivamente del 27.8%, 22.1%, 11.4%.

Le percentuali di ventilazione meccanica nei gruppi HC, HC + AZ e no-HC erano rispettivamente del 13.3%, 6.9%, 14.1%.

Rispetto al gruppo senza Idrossiclorochina, il rischio di morte per qualsiasi causa è risultato maggiore nel gruppo Idrossiclorochina ( hazard ratio aggiustato [ aHR ], 2.61; IC al 95%, da 1.10 a 6.17; P = 0.03 ) ma non nel gruppo Idrossiclorochina più Azitromicina ( aHR, 1.14; IC al 95%, da 0.56 a 2.32; P = 0.72 ).

Il rischio di ventilazione meccanica era simile nel gruppo Idrossiclorochina ( aHR, 1.43; IC al 95%, da 0.53 a 3.79; P = 0.48 ) e nel gruppo HC + AZ ( aHR, 0.43; IC al 95%, da 0.16 a 1.12; P = 0.09 ), rispetto al gruppo senza Idrossiclorochina.

In conclusione, in questo studio i ricercatori non hanno trovato evidenze che l'uso dell'Idrossiclorochina, con o senza Azitromicina, abbia ridotto il rischio di ventilazione meccanica nei pazienti ricoverati con COVID-19.
E' stata identificata una associazione di aumento della mortalità complessiva nei pazienti trattati con la sola Idrossiclorochina.
Questi risultati hanno evidenziato l'importanza di attendere i risultati di studi prospettici, randomizzati e controllati in corso prima dell'adozione diffusa di questi farmaci. ( Xagena2020 )

Magagnoli J et al, MedRxiv, 2020

Inf2020 Farma2020


Indietro