Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Ematobase.it

Molnupiravir più cure abituali versus cure abituali da sole come trattamento precoce per adulti con COVID-19 ad aumentato rischio di esiti avversi: studio PANORAMIC


La sicurezza, l'efficacia e il rapporto costo-efficacia di Molnupiravir ( Lagevrio ), un farmaco antivirale orale per SARS-CoV-2, non sono state stabilite nei pazienti vaccinati nella comunità ad aumentato rischio di morbilità e mortalità da COVID-19.
Si è stabilito se l'aggiunta di Molnupiravir alle cure abituali abbia ridotto i ricoveri ospedalieri e i decessi associati a COVID-19 in questa popolazione.

PANORAMIC era uno studio controllato, randomizzato, adattativo, nazionale, multicentrico, in aperto, multigruppo, prospettico, con sede nel Regno Unito.
I partecipanti eleggibili avevano un'età pari o superiore a 50 anni, o di età pari o superiore a 18 anni con comorbilità rilevanti, e non erano stati bene con COVID-19, malattia confermata per 5 giorni o meno nella comunità.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 800 mg di Molnupiravir due volte al giorno per 5 giorni più cure abituali o solo cure abituali.
La randomizzazione è stata stratificata per età ( inferiore a 50 anni versus superiore o uguale a 50 anni ) e stato di vaccinazione ( sì vs no ).

Gli esiti di COVID-19 sono stati monitorati tramite un diario quotidiano online autocompilato per 28 giorni dopo la randomizzazione.
L'esito primario era il ricovero per tutte le cause o il decesso entro 28 giorni dalla randomizzazione, analizzato utilizzando modelli bayesiani in tutti i partecipanti idonei assegnati in modo casuale.

Tra dicembre 2021 e aprile 2022, 26.411 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale, 12.821 a Molnupiravir più cure abituali, 12.962 solo alle cure abituali e 628 ad altri gruppi di trattamento, riportati separatamente.

Nella popolazione dell'analisi primaria sono stati inclusi 12.529 partecipanti del gruppo Molnupiravir più cure abituali e 12.525 del gruppo di cure abituali.
L'età media della popolazione era di 56.6 anni e 24.290 su 25.708 partecipanti ( 94% ) avevano ricevuto almeno tre dosi di un vaccino SARS-CoV-2.

I ricoveri o i decessi sono stati registrati in 105 su 12.529 partecipanti ( 1% ) nel gruppo Molnupiravir più cure abituali rispetto a 98 su 12.525 ( 1% ) nel gruppo di cure abituali ( odds ratio aggiustato, aOR=1.06; probabilità di superiorità 0.33 ).
Non c'è stata evidenza di interazione di trattamento tra i sottogruppi.

Eventi avversi gravi sono stati registrati per 50 su 12.774 partecipanti ( 0.4% ) nel gruppo Molnupiravir più cure abituali e per 45 su 12.934 ( 0.3% ) nel gruppo di cure abituali. Nessuno di questi eventi è stato giudicato correlato a Molnupiravir.

Molnupiravir non ha ridotto la frequenza dei ricoveri o dei decessi associati a COVID-19 tra gli adulti vaccinati ad alto rischio nella comunità. ( Xagena2023 )

Butler CC et al, Lancet 2023; 401: 281-293

Inf2023 Farma2023



Indietro