Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Ematobase.it

Pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19: l'Azitromicina non migliora la sopravvivenza - Studio RECOVERY


L'Azitromicina ( Zitromax ) è un antibiotico che è stato proposto come trattamento per COVID-19 sulla base delle sue azioni immunomodulanti.

Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia dell'Azitromicina nei pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19.

Nello studio RECOVERY ( Randomized Evaluation of COVID-19 Therapy ) su piattaforma adattiva, randomizzato, controllato, in aperto, diversi trattamenti possibili sono stati confrontati con le cure usuali nei pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 nel Regno Unito.
Lo studio è in corso in 176 ospedali nel Regno Unito.

I pazienti idonei e consenzienti sono stati assegnati in modo casuale al solo standard di cura abituale o al normale standard di cura più Azitromicina 500 mg una volta al giorno per bocca o per via endovenosa per 10 giorni o fino alla dimissione ( o assegnazione a uno degli altri gruppi di trattamento di RECOVERY ).

I pazienti sono stati assegnati tramite randomizzazione semplice non-stratificata e hanno avuti il doppio delle probabilità di essere assegnati in modo casuale alle cure abituali rispetto a qualsiasi gruppo di trattamento attivo.

L'esito primario era la mortalità per tutte le cause a 28 giorni, valutata nella popolazione intent-to-treat.

Tra il 7 aprile e il 27 novembre 2020, dei 16.442 pazienti arruolati nello studio RECOVERY, 9.433 ( 57% ) erano eleggibili e 7.763 sono stati inclusi nella valutazione dell'Azitromicina.
L'età media dei partecipanti allo studio era di 65.3 anni e circa un terzo erano donne ( 2.944 su 7.763, 38% ).
2.582 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Azitromicina e 5.181 pazienti sono stati assegnati in modo casuale alle sole cure usuali.

Complessivamente, 561 pazienti ( 22% ) assegnati all'Azitromicina e 1.162 pazienti ( 22% ) assegnati alle cure usuali sono deceduti entro 28 giorni ( rate ratio, RR=0.97, P=0.50 ).

Non è stata osservata alcuna differenza significativa nella durata della degenza ospedaliera ( mediana 10 giorni vs 11 giorni ) o nella percentuale di pazienti dimessi dall'ospedale vivi entro 28 giorni ( RR=1.04; P=0.19 ).

Tra coloro che non erano in ventilazione meccanica invasiva al basale, non è stata osservata alcuna differenza significativa nella proporzione che soddisfaceva l'endpoint composito di ventilazione meccanica invasiva o morte ( risk ratio, RR=0.95; P=0.24 ).

Nei pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19, l'Azitromicina non ha migliorato la sopravvivenza o altri esiti clinici prespecificati.
L'uso dell'Azitromicina nei pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 deve essere limitato ai pazienti per i quali esiste una chiara indicazione antimicrobica. ( Xagena2021 )

Recovery Collaborative Group, Lancet 2021; 397: 605-612

Inf2021 Farma2021


Indietro