Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Peginterferone lambda per il trattamento dei pazienti ambulatoriali con COVID-19


Ad oggi, solo gli anticorpi monoclonali hanno dimostrato di essere efficaci per i pazienti ambulatoriali con COVID-19.
L'Interferone lambda-1 è un interferone di tipo III coinvolto nelle risposte antivirali innate con attività contro i patogeni respiratori.
Sono state studiate la sicurezza e l'efficacia del Peginterferone lambda nel trattamento di pazienti ambulatoriali con COVID-19 da lieve a moderato.

In uno studio in doppio cieco, controllato con placebo, i pazienti ambulatoriali con COVID-19 confermato in laboratorio sono stati assegnati in modo casuale a una singola iniezione sottocutanea di Peginterferone lambda 180 mcg o placebo entro 7 giorni dall'insorgenza dei sintomi o al primo tampone positivo se asintomatici.

L'endpoint primario era la proporzione di pazienti che erano negativi per l'RNA del coronavirus 2 causa della sindrome respiratoria acuta grave ( SARS-CoV-2 ) il giorno 7 dopo l'iniezione, analizzati da un test X2 secondo il principio dell'intention to treat.

Tra il 18 maggio e il 4 settembre 2020, sono stati reclutati 30 pazienti per gruppo.

La diminuzione dell'RNA di SARS-CoV-2 è stata maggiore in quelli trattati con Peginterferone lambda rispetto al placebo dal giorno 3 in poi, con una differenza di 2.42 log copie per ml al giorno 7 ( P=0.0041 ).
Al settimo giorno, 24 partecipanti ( 80% ) al gruppo Peginterferone lambda avevano una carica virale non-rilevabile, rispetto a 19 ( 63% ) nel gruppo placebo ( P=0.15 ).

Dopo aver controllato la carica virale al basale, i pazienti nel gruppo Peginterferone lambda hanno avuto maggiori probabilità di avere un virus non-rilevabile entro il giorno 7 rispetto a quelli del gruppo placebo ( odds ratio, OR 4.12; P=0.029 ).

Tra i pazienti con carica virale al basale superiore a 106 copie per ml, 15 su 19 ( 79% ) nel gruppo Peginterferone lambda hanno avuto un virus non-rilevabile il giorno 7, rispetto a 6 su 16 ( 38% ) nel gruppo placebo ( OR 6.25; P=0.012 ).

Il Peginterferone lambda è stato ben tollerato e gli eventi avversi sono stati simili tra i gruppi con aumenti della concentrazione di aminotransferasi lievi e transitori, più frequentemente osservati nel gruppo Peginterferone lambda.
Due individui hanno raggiunto la soglia di aumento di grado 3, uno in ciascun gruppo, e non sono stati segnalati altri eventi avversi di laboratorio di grado 3 o 4.

Il Peginterferone lambda ha accelerato il declino virale nei pazienti ambulatoriali con COVID-19, aumentando la percentuale di pazienti con clearance virale entro il giorno 7, in particolare in quelli con elevata carica virale al basale.
Il Peginterferone lambda ha il potenziale per prevenire il deterioramento clinico e ridurre la durata della diffusione virale. ( Xagena2021 )

Feld JJ et al, Lancet Respiratory Medicine 2021; 9: 498-510

Inf2021 Farma2021


Indietro