Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Onco News

Persistenza del virus Zika nei liquidi corporei


È stata valutata prospetticamente una coorte di persone infettate in Porto Rico per stimare la frequenza e la durata di RNA del virus Zika rilevabile nei fluidi corporei umani.

Sono stati valutati campioni ottenuti da 295 partecipanti ( compresi 94 uomini che hanno fornito campioni di sperma ) in cui l'RNA del virus Zika è stato rilevato nel test di reazione a catena della polimerasi - trascrittasi inversa ( RT-PCR ) nelle urine o nel sangue in un Centro di sorveglianza clinica sugli arbovirus.

Sono stati raccolti il siero, l'urina, la saliva, lo sperma e le secrezioni vaginali, a cadenza settimanale per il primo mese e a 2, 4 e 6 mesi.
Tutti i campioni sono stati testati mediante RT-PCR e il siero è stato testato con l'uso del saggio di immuno-assorbente legato all'enzima per IgM virus Zika.

Tra i sogegtti con RNA di virus Zika in qualsiasi campione alla settimana 4, la raccolta è continuata ogni 2 settimane da lì in poi fino a quando tutti i campioni sono risultati negativi.
È stato stimato il tempo fino alla perdita del rilevamento di RNA di virus Zika in ciascun liquido corporeo.

Le mediane e i percentili 95 per il tempo fino alla perdita del rilevamento di RNA di virus Zika sono stati, rispettivamente, di 15 giorni e di 41 giorni nel siero; 11 giorni e 34 giorni nelle urine; e 42 giorni e 120 giorni nello sperma.

Meno del 5% dei soggetti aveva RNA di virus Zika rilevabile nella saliva o nelle secrezioni vaginali.

Il tempo prolungato fino alla clearance dell'RNA del virus Zika nel siero può avere implicazioni per la diagnosi e la prevenzione dell'infezione da virus Zika.
Nel 95% degli uomini nello studio, l'RNA del virus Zika è stato eliminato dallo sperma dopo circa 4 mesi. ( Xagena2018 )

Paz-Bailey G et al, N Engl J Med 2018; 379: 1234-1243

Inf2018



Indietro