Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Possibile trasmissione verticale di SARS-CoV-2 in Cina


Un neonato nato da una madre infetta da SARS-CoV-2 in un ospedale di Wuhan ( Cina ) ha presentato elevati livelli di immunoglobuina M ( IgM ) e immunoglobulina G ( IgG ) e risultati anomali dei test delle citochine 2 ore dopo la nascita, indicando che il neonato era stato infettato in utero,

A 2 ore di età, il livello di IgG SARS-CoV-2 del neonato era di 140.32 UA/mL e il loro livello di IgM era di 45.83 UA/ml.
Le citochine erano elevate ( interleuchina-6 [ IL-6 ], 28.26 pg/mL; interleuchina-10 [ IL-10 ], 153.60 pg/mL ) e la conta dei globuli bianchi era 18.08 x 10(9)/L.
La tomografia computerizzata del torace era normale.

I risultati di cinque test RT-PCR su tamponi rinofaringei effettuati tra le 2 ore e i 16 giorni di età erano tutti negativi.
A 16 giorni, i livelli di IgM e IgG del bambino erano ancora elevati.

Sebbene l'infezione al momento del parto non possa essere esclusa, gli anticorpi IgM di solito non compaiono fino a 3-7 giorni dopo l'infezione e gli elevati livelli di IgM nel neonato erano già evidenti in un campione di sangue prelevato 2 ore dopo la nascita.

Gli anticorpi IgG, a differenza degli anticorpi IgM, possono essere trasmessi al feto attraverso la placenta e apparire dopo gli anticorpi IgM.
Il livello elevato di IgG può riflettere una infezione materna o infantile.

Le secrezioni vaginali della madre sono risultate negative per SARS-CoV-2. ( Xagena2020 )

Fonte: JAMA, 2020

Inf2020 Gyne2020 Pedia2020



Indietro