Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Cardiobase

Prevalenza del virus dell'epatite B, del virus dell'epatite C e dell'infezione da HIV tra i pazienti con tumore di nuova diagnosi


Lo screening universale dei pazienti con tumore di nuova diagnosi per il virus dell'epatite B ( HBV ), il virus dell'epatite C ( HCV ) e il virus dell'immunodeficienza umana ( HIV ) non è di routine nella pratica oncologica, e gli Esperti non sono d'accordo sul fatto che debba essere effettuato.

È stata stimata la prevalenza dell'infezione da HBV, HCV e HIV tra le persone con tumore di nuova diagnosi ( entro 120 giorni dalla diagnosi oncologica ) in uno studio di coorte prospettico multicentrico presso 9 Istituti accademici e 9 Centri affiliati a SWOG ( precedentemente Southwest Oncology Group ) Cancer Research Network, un membro del National Clinical Trials Network, con arruolamento nel periodo 2013-2017.

L'obiettivo di reclutamento era di 3.000 pazienti e l'endpoint primario era la presenza di infezione da HBV ( precedente o cronica ), infezione da HCV o infezione da HIV al momento dell'arruolamento.
Sono stati valutati i pazienti con precedente conoscenza dell’infezione, nonché i pazienti con stato virale sconosciuto.

Dei 3.092 pazienti registrati, 3.051 erano ammissibili e valutabili. L'età media era di 60.6 anni, 1.842 ( 60.4% ) erano donne, 553 ( 18.1% ) erano neri e 558 ( 18.3% ) erano di etnia ispanica.
I pazienti sottoposti a screening avevano caratteristiche cliniche e demografiche simili in confronto a quelli registrati.

Il tasso di infezione osservato per la precedente infezione da HBV è stato del 6.5% ( n=197 su 3.050 pazienti ); HBV cronica, 0.6% ( n=19 su 3.050 pazienti ); HCV, 2.4% ( n=71 su 2.990 pazienti ); e HIV, 1.1% ( n=34 su 3.045 ).

Tra quelli con infezioni virali, 8 pazienti con infezione cronica da HBV ( 42.1% ), 22 pazienti con infezione da HCV ( 31.0% ) e 2 pazienti con infezione da HIV ( 5.9% ) sono stati recentemente diagnosticati attraverso lo studio.

Tra i pazienti con infezioni, 4 pazienti con infezione cronica da HBV ( 21.1% ), 23 pazienti con infezione da HCV ( 32.4% ) e 7 pazienti con infezione da HIV ( 20.6% ) non presentavano fattori di rischio identificabili.

I risultati di questo studio hanno rilevato che una percentuale sostanziale di pazienti con tumore di nuova diagnosi e concomitante infezione da HBV o da HCV non sono a conoscenza della infezione virale al momento della diagnosi della neoplasia e molti non hanno fattori di rischio identificabili per l'infezione.

Lo screening dei pazienti con tumore per identificare l'infezione da HBV e HCV prima di iniziare il trattamento può essere giustificato per prevenire la riattivazione virale e gli esiti clinici avversi.
Il basso tasso di infezione da HIV non-diagnosticata potrebbe non supportare lo screening universale dei pazienti con tumore di nuova diagnosi. ( Xagena2019 )

Ramsey S et al, JAMA Oncol 2019; 5: 497-505

Inf2019 Onco2019



Indietro