Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Remdesivir negli adulti con forma grave di COVID-19


Nessun farmaco antivirale specifico si è dimostrato efficace per il trattamento di pazienti con malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ) grave.
Remdesivir ( Veklury ), un profarmaco analogo nucleosidico, ha effetti inibitori sui coronavirus patogeni animali e umani, tra cui la sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2 ( SARS-CoV-2 ) in vitro e inibisce la sindrome respiratoria mediorientale da coronavirus, SARS-CoV -1 e la replicazione di SARS-CoV-2 in modelli animali.

È stato condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, multicentrico in dieci ospedali di Hubei, in Cina.
I pazienti eleggibili erano adulti di età a partire da 18 anni ricoverati in ospedale con infezione da SARS-CoV-2 confermata in laboratorio, con un intervallo dall'esordio dei sintomi all'arruolamento di 12 giorni o meno, una saturazione di ossigeno del 94% o inferiore nell'aria ambientale o un rapporto tra pressione parziale di ossigeno ( pO2 ) arterioso e frazione di ossigeno inspirato ( FiO2 ) di 300 mm Hg o meno e polmonite radiologicamente confermata.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Remdesivir per via endovenosa ( 200 mg al giorno 1 seguiti da 100 mg nei giorni 2-10 in singole infusioni giornaliere ) o allo stesso volume di infusioni di placebo per 10 giorni.
Ai pazienti è stato permesso l'uso concomitante di Lopinavir-Ritonavir, Interferone e corticosteroidi.

L'endpoint primario era il tempo al miglioramento clinico fino al giorno 28, definito come il tempo in giorni dalla randomizzazione al punto di un calo di due livelli su una scala ordinale a sei punti dello stato clinico ( da 1=dimissione a 6=decesso ) o paziente dimesso vivo dall'ospedale, a seconda di quale avveniva per primo.

L'analisi primaria è stata condotta nella popolazione intention-to-treat ( ITT ) e l'analisi di sicurezza è stata eseguita in tutti i pazienti che hanno iniziato il trattamento assegnato.

Nel periodo febbraio e marzo 2020, 237 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a un gruppo di trattamento ( 158 a Remdesivir e 79 a placebo ); un paziente nel gruppo placebo che si è ritirato dopo la randomizzazione non è stato incluso nella popolazione ITT.

L'uso di Remdesivir non è stato associato a una differenza nel tempo al miglioramento clinico ( hazard ratio, HR=1.23 ).
Sebbene non statisticamente significativo, i pazienti che hanno ricevuto Remdesivir hanno avuto un tempo numericamente più breve al miglioramento clinico rispetto a quelli che hanno ricevuto placebo tra i pazienti con durata dei sintomi di 10 giorni o meno ( HR=1.52 ).

Sono stati segnalati eventi avversi in 102 su 155 pazienti trattati ( 66% ) con Remdesivir rispetto a 50 soggetti su 78 ( 64% ) trattati con placebo.

In questo studio su pazienti adulti ricoverati in ospedale per forma grave di COVID-19, Remdesivir non è stato associato a benefici clinici statisticamente significativi.
Tuttavia, la riduzione numerica nel tempo al miglioramento clinico nei pazienti trattati precocemente richiede conferma in studi più ampi. ( Xagena2020 )

Wang Y et al, Lancet 2020; 395: 1569-1578

Inf2020 Pneumo2020 Farma2020


Indietro