Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Farmaexplorer.it

Rischi di trombosi venosa profonda, embolia polmonare ed emorragie dopo Covid-19


È stato quantificato il rischio di trombosi venosa profonda, embolia polmonare e sanguinamento dopo Covid-19 in una serie di casi autocontrollati e in uno studio di coorte abbinato dei Registri nazionali in Svezia.

Hanno partecipato allo studio 1.057.174 persone risultate positive al virus SARS-CoV-2 tra febbraio 2020 e maggio 2021 in Svezia, abbinate per età, sesso e contea di residenza a 4.076.342 partecipanti di controllo.

Nelle serie di casi autocontrollati, i rapporti del tasso di incidenza per i primi esiti dopo Covid-19 sono stati determinati utilizzando intervalli di tempo prestabiliti e il modello spline. I rapporti di rischio degli eventi per la prima volta e tutti gli eventi sono stati determinati durante i giorni 1-30 dopo Covid-19 o la data indice utilizzando lo studio di coorte abbinato e aggiustando per potenziali fattori confondenti ( comorbilità, tumore, chirurgia, trattamento anticoagulante a lungo termine, precedente tromboembolia venosa, o precedente evento emorragico ).

Rispetto al periodo di controllo, i rapporti dei tassi di incidenza sono risultati significativamente aumentati 70 giorni dopo Covid-19 per trombosi venosa profonda, 110 giorni per embolia polmonare e 60 giorni per sanguinamento.
In particolare, i rapporti di incidenza per una prima embolia polmonare sono stati 36.17 durante la prima settimana dopo Covid-19, e 46.40 durante la seconda settimana.

I rapporti dei tassi di incidenza durante i giorni 1-30 dopo Covid-19 sono stati 5.90 per la trombosi venosa profonda, 31.59 per l'embolia polmonare e 2.48 per il sanguinamento.
Allo stesso modo, i risk ratio durante i giorni 1-30 dopo Covid-19 sono stati 4.98 per la trombosi venosa profonda, 33.05 per l'embolia polmonare e 1.88 per il sanguinamento, dopo aver aggiustato per l’effetto di potenziali confondenti.

I rapporti di frequenza sono stati più alti nei pazienti con Covid-19 critico e più alti durante la prima ondata di pandemia in Svezia rispetto alla seconda e alla terza ondata.
Nello stesso periodo, il rischio assoluto tra i pazienti con Covid-19 è stato pari a 0.039% ( 401 eventi ) per trombosi venosa profonda, 0.17% ( 1.761 eventi ) per embolia polmonare e 0.101% ( 1.002 eventi ) per sanguinamento.

I risultati di questo studio hanno indicato che Covid-19 è un fattore di rischio per trombosi venosa profonda, embolia polmonare ed emorragie.
Questi risultati potrebbero avere un impatto sulle raccomandazioni riguardo alle strategie diagnostiche e profilattiche contro il tromboembolismo venoso dopo Covid-19. ( Xagena2022 )

Katsoularis I et al, BMJ 2022; 377: e069590

Inf2022 Emo2022 Cardio2022



Indietro