Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Farmaexplorer.it

Sarilumab negli adulti ricoverati in ospedale con polmonite da COVID-19 da moderata a grave: studio CORIMUNO-SARI-1


I pazienti con polmonite COVID-19 possono avere un'infiammazione aumentata e citochine elevate, inclusa l'interleuchina 6 ( IL-6 ), che potrebbero essere dannose. Pertanto, Sarilumab ( Kevzara ), un anticorpo che si lega al recettore di L-6. ad alta affinità, potrebbe migliorare l'esito dei pazienti con polmonite COVID-19 da moderata a grave.

È stato condotto uno studio clinico multicentrico, in aperto, bayesiano, randomizzato, adattivo, di fase 2/3, nidificato all'interno della coorte CORIMUNO-19, per testare un'ipotesi di superiorità.
Sono stati arruolati pazienti di età pari o superiore a 18 anni ricoverati in ospedale con COVID-19 in sei Centri francesi, che richiedevano almeno 3 l/min di Ossigeno ma senza assistenza alla ventilazione e un punteggio WHO Clinical Progression Scale, CPS, di 5.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere le cure abituali più 400 mg di Sarilumab per via endovenosa il giorno 1 e il giorno 3 se clinicamente indicato ( gruppo Sarilumab ) o solo cure usuali ( gruppo cure usuali ).

In tutto 165 pazienti sono stati reclutati dal 27 marzo al 6 aprile 2020, e 148 pazienti sono stati randomizzati ( 68 pazienti nel gruppo Sarilumab e 80 nel gruppo con terapia abituale ) e seguiti per 90 giorni.
L'età media era di 61.7 anni nel gruppo Sarilumab e di 62.8 anni nel gruppo di cura abituale.

Nel gruppo Sarilumab 49 su 68 erano uomini ( 72% ) e nel gruppo di trattamento abituale 59 su 76 erano uomini ( 78% ).
4 pazienti nel gruppo di cura abituale hanno ritirato il consenso e non sono stati analizzati. 18 dei 68 pazienti ( 26% ) nel gruppo Sarilumab avevano un punteggio WHO-CPS maggiore di 5 al giorno 4 rispetto a 20 su 76 ( 26% ) nel gruppo di trattamento abituale ( differenza di rischio assoluto mediana posteriore 0.2%; intervallo di credibilità al 90% [ CrI ] da -11.7 a 12.2 ), con una probabilità a posteriori di differenza assoluta del rischio maggiore di 0 del 48.9%.

Al giorno 14, 25 pazienti ( 37% ) nel gruppo Sarilumab e 26 pazienti ( 34% ) nel gruppo di cure usuali avevano bisogno di ventilazione o sono deceduti ( hazard ratio mediano posteriore, HR=1.10; 90% CrI 0.69-1.74 ) con un hazard ratio di probabilità a posteriori maggiore di 1 su 37.4%.

Eventi avversi gravi si sono verificati in 27 pazienti ( 40% ) nel gruppo Sarilumab e in 28 pazienti ( 37% ) nel gruppo con terapia abituale ( P=0.73 ).

Il trattamento con Sarilumab non ha migliorato gli esiti precoci nei pazienti con polmonite da COVID-19 da moderata a grave.
Sono necessari ulteriori studi per valutare l'effetto di Sarilumab sulla sopravvivenza a lungo termine. ( Xagena2022 )

The CORIMUNO-19 Collaborative group, The Lancet Rheumatology 2022; 4: 24-32

Inf2022 Farma2022



Indietro