Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Terapie antiretrovirali in donne dopo esposizione a singola dose di Nevirapina


La somministrazione peri-parto di una singola dose di Nevirapina ( Viramune ) riduce la trasmissione da madre a figlio del virus dell'immunodeficienza umana di tipo 1 ( HIV-1 ), ma porta a una selezione dei virus resistenti a Nevirapina.

In sette Paesi africani, donne infettate con il virus HIV-1 con conte di cellule T CD4+ inferiori a 200 per millimetro cubo e che avevano o non-avevano assunto una singola dose di Nevirapina almeno 6 mesi prima dell'arruolamento sono state assegnate in maniera casuale a terapia antiretrovirale con Tenofovir ed Emtricitabina ( Truvada ) più Nevirapina o Tenofovir-Emtricitabina più Lopinavir potenziato da una bassa dose di Ritonavir ( Kaletra ).

L'endpoint primario era il tempo prima della conferma del fallimento virologico o prima del decesso.

In totale, 241 donne esposte a singola dose di Nevirapina hanno intrapreso i trattamenti dello studio ( 121 hanno ricevuto Nevirapina e 120 Lopinavir potenziato con Ritonavir ).

Un numero significativamente più elevato di donne nel gruppo Nevirapina ha raggiunto l'endpoint primario rispetto alle donne del gruppo Lopinavir potenziato con Ritonavir ( 26% vs 8% ) ( P=0.001, valore aggiustato ).

Il fallimento virologico si è manifestato in 37 ( 28 nel gruppo Nevirapina e 9 in quello Lopinavir potenziato con Ritonavir ) e 5 sono morti senza precedente fallimento virologico ( 4 nel gruppo Nevirapina e 1 nel gruppo Lopinavir potenziato con Ritonavir ).

Le differenze tra i gruppi sono diminuite con l'aumento dell'intervallo tra singola dose di Nevirapina e l'inizio della terapia antiretrovirale.

Un sequenziamento retrospettivo di campioni di plasma basali ha mostrato resistenza a Nevirapina in 33 delle 239 donne analizzate ( 14% ).

Tra le 500 donne senza precedente esposizione a singola dose di Nevirapina, 34 delle 249 donne nel gruppo Nevirapina ( 14% ) e 36 delle 251 nel gruppo Lopinavir potenziato con Ritonavir ( 14% ) hanno mostrato fallimento virologico o sono morte.

In conclusione, nelle donne con precedente esposizione a singola dose peri-parto di Nevirapina ( ma non in quelle senza precedente esposizione ), il trattamento a base di Lopinavir potenziato con Ritonavir più Tenofovir–Emtricitabina è risultato superiore a Nevirapina più Tenofovir–Emtricitabina come terapia antiretrovirale iniziale. ( Xagena2010 )

Lockman S et al, N Engl J Med 2010; 363: 1499-1509


Inf2010 Farma2010


Indietro