GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Uno studio sulla Clorochina ad alto dosaggio per COVID-19 è stato interrotto a causa di un aumento del tasso di mortalità


Un gruppo internazionale di ricercatori ha terminato uno studio di fase 2b sulla sicurezza e l'efficacia della Clorochina a dose più elevata come trattamento per i pazienti affetti da COVID-19 in fase precoce dopo aver osservato maggiori rischi per la sicurezza e i tassi di mortalità.

Attualmente non esiste una terapia antivirale specifica raccomandata per le infezioni da coronavirus.
Sono stati condotti pochi studi terapeutici perché la maggior parte dei ceppi di coronavirus umano causa malattie autolimitanti e le cure di supporto di routine sono generalmente efficaci.
Pubblicazioni recenti hanno attirato l'attenzione sul possibile beneficio della Clorochina solfato e dei sali di fosfato ( Clorochina difosfato ) e Idrossiclorochina per il trattamento dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2.

E' stato condotto uno studio clinico di fase 2b, parallelo, in doppio cieco, randomizzato su pazienti ospedalizzati di età pari o superiore a 18 anni con una frequenza respiratoria superiore a 24 respirazioni al minuto e/o le seguenti: frequenza cardiaca superiore a 125 battiti al minuto, assenza di febbre; saturazione periferica di ossigeno inferiore al 90%; e/o shock, classificati come pressione arteriosa media inferiore a 65 mmHg, con necessità di medicinali vasopressori; oliguria o basso livello di attività cognitiva.
L'obiettivo dello studio era quello di valutare la sicurezza e l'efficacia di due diversi dosaggi di Clorochina come terapia aggiuntiva nei pazienti con COVID-19 confermato e grave.

81 partecipanti ammissibili hanno ricevuto Clorochina difosfato ad alto dosaggio ( 600 mg di Clorochina due volte al giorno per 10 giorni per una dose totale di 12 g; n = 41 ) o Clorochina difosfato a basse dosi ( 450 mg per 5 giorni, solo due volte al giorno il primo giorno per una dose totale di 2.7 g; n = 40 ) per via orale o attraverso un tubo nasogastrico, insieme a Ceftriaxone e Azitromicina.

Gli 81 partecipanti sono stati arruolati da un campione predefinito di 440 pazienti.

I risultati dello studio hanno mostrato che il braccio Clorochina ad alte dosi ha portato in misura più frequente a un intervallo QT corretto superiore a 500 ms ( 25% ) e a una tendenza verso una maggiore letalità ( 17% ) rispetto al dosaggio più basso.

Il tasso di mortalità è stato del 13.5% ( IC 95%, 6.9-23% ), che si sovrappone all'intervallo di confidenza visto nei dati storici di pazienti simili che non avevano impiegato la Clorochina ( IC 95%, 14.5- 19.2% ).

I risultati preliminari hanno indicato che il dosaggio più elevato di Clorochina ( regime di 10 giorni ) non dovrebbe essere raccomandato per il trattamento di COVID-19 a causa dei suoi Questi risultati hanno costretto i ricercatori ad interrompere prematuramente il reclutamento dei pazienti in questo braccio. ( Xagena2020 )

Silva Borba MG et al, MedRxiv, 2020

Inf2020 Farma2020


Indietro